Sicurezza sui social network

sicurezzasocial

La Prevenzione Svizzera della Criminalità(PSC) ha pubblicato una check-list che fornisce informazioni sul funzionamento dei social network e sulle impostazioni di sicurezza. La check list si pone l’obiettivo di aiutare i giovani a proteggere meglio dall’abuso i loro dati personali e le immagini nei social network.

I social network offrono affascinati possibilità di mantenere contatti con le altre persone, di allacciare nuove amicizie e di presentare se stessi sulla rete. Con le informazioni riportate sulla check list «Sicurezza sui social network» cerchiamo di dare il nostro contributo per ridurre il rischio di abuso di dati personali ed immagini sui social network.

La check list comprende cinque avvertenze relative al funzionamento dei social network:

  1. I social network non dimenticano
  2. Le informazioni sulla rete possono diffondersi rapidamente
  3. Il virtuale sui social network produce effetti reali
  4. I social network non sono selettivi
  5. Sul social network spesso non ci si trova «tra amici»

Prima che i giovani pubblichino sui social network i loro dati personali e le loro fotografie, dovrebbero informarsi sul funzionamento dei social network, per essere in grado di valutare meglio chi possa leggere e riutilizzare le loro informazioni personali. La nostra speranza è che i giovani, prima di postare i loro dati, riflettano su quali siano le informazioni che desiderano davvero condividere con il pubblico. In questo modo si riducono anche il cyber mobbing e le violazioni sessuali che possono conseguire alla pubblicazione di dati personali e foto.

Per essere in grado di proteggersi ancora meglio dal cyber mobbing e dalle violazioni sessuali, abbiamo elaborato quattro consigli per la sicurezza degli utenti dei social network:

  1. Usate le impostazioni di sicurezza
  2. Eliminate tutti i messaggi indesiderati
  3. Non rispondete ad attacchi o intimidazioni
  4. Segnalate gli incontri spiacevoli avvenuti sui social network

La check list è disponibile da subito presso tutte le stazioni di polizia della polizia cantonale o scaricabile all’indirizzo www.skppsc.ch

Fonte: Martin Boess, 13. luglio 2012 su news.skppsc.ch